Stai cercando l'indennità mensile di disoccupazione?

NASpI indennità mensile di disoccupazione

Che cos'è la NASpI?

È una prestazione economica erogata dall’INPS su domanda diretta del cittadino, rivolta ai lavoratori dipendenti che abbiano perduto involontariamente l’occupazione, per gli eventi di disoccupazione che si verificano dal 1° maggio 2015.

La NASpI è riconosciuta anche ai lavoratori che hanno rassegnato le dimissioni per giusta causa e nei casi di risoluzione consensuale nell’ambito della procedura obbligatoria di conciliazione (Art. 1, Comma 40, Legge 92/2012 – C.D. Legge Fornero). Ottenimento anche per licenziamenti disciplinari ed in caso di offerta economica (Art. 6 Dlgs 23/2015)

La Nuova Assicurazione Sociale per L’Impiego (NASpI) è una indennità mensile di disoccupazione, istituita dall’articolo 1, Decreto Legislativo 4 Marzo 2015, N. 22– che sostituisce le precedenti prestazioni di disoccupazione ASpI e MiniASpI – in relazione agli eventi di disoccupazione involontaria che si sono verificati a decorrere dal 1° maggio 2015.

Condizioni per richiedere la NASpI

  • Stato di disoccupazione involontaria  (dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro)
  • Almeno  13 settimane di contribuzione versata  nel rispetto del minimale nei 4 anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione). Per la ricerca delle 13 settimane sono considerate utili le medesime tipologie di contribuzione già previste per l’ASpI (lavoro estero Paesi UE/convenzionati; maternità; astensione per malattia figlio).
  • Almeno 30 giornate di effettiva presenza al lavoro (a prescindere dalla durata oraria e dal rispetto del minimale contributivo) nei 12 mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione
Perchè scegliere i nostri servzi

Siamo a fianco del Patronato Epasa-Itaco per supportare i cittadini italiani nell’emergenza Covid-19

Per maggiori informazioni o effettuare la richiesta di disoccupazione (NASpI) procedi al sito smart2people.it cliccando qui

Quando viene erogata?

La NASpI viene erogata mensilmente, per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni. Ai fini della durata non sono considerati i periodi contributivi che hanno già garantito l’erogazione della prestazione di disoccupazione, per un massimo di 2 anni

La NASpI è erogata dall’ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro, se la domanda viene presentata entro l’ottavo giorno, dal giorno successivo la presentazione della domanda, se questa sia presentata dopo l’ottavo giorno

Per conseguire la prestazione è necessario presentare, a pena della decadenza, domanda telematica all’Inps entro 68 giorni  dalla cessazione del rapporto di lavoro.

A chi spetta

La NASpI spetta ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che abbiano perduto involontariamente l’occupazione, ivi compresi:

  • gli apprendisti;
  • i soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato;
  • il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato;
  • i dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni.

Restano esclusi invece:

  • i dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni;
  • gli operai agricoli a tempo determinato e indeterminato Non possono accedere alla prestazione:
  • dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni;
  • operai agricoli a tempo determinato e indeterminato per i quali resta in vigore la disoccupazione agricola.;
  • lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per lavoro stagionale, per i quali resta confermata la specifica normativa;
  • lavoratori che hanno maturato i requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato;
  • lavoratori titolari di assegno ordinario di invalidità, qualora non optino per la NASpI.

requisiti

La NASpI indennità mensile di disoccupazione è riconosciuta ai lavoratori subordinati che presentino la domanda e che abbiano maturato congiuntamente i requisiti di seguito indicati.

  • Stato di disoccupazione Involontaria, salvo i casi di dimissioni per giusta causa se regolarmente convalidate dalla DTL
  • partecipazione del disoccupato a iniziative di attivazione lavorativa
  • partecipazione alle iniziative di riqualificazione professionale contenute nel patto di servizio personalizzato che il beneficiario deve stipulare presso il competente centro pubblico per l’impiego o attraverso un patronato.

Ricordiamo che la Did online – Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro, è la dichiarazione che determina formalmente l’inizio dello stato di disoccupazione di una persona.

Chi è disoccupato, o ha ricevuto comunicazione di licenziamento, può presentare la Did per accedere ai servizi di reinserimento nel mercato del lavoro.

Come conseguire lo Stato di disoccupazione

Si considerano disoccupati i soggetti privi di impiego che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione e che dichiarino in forma telematica al portale nazionale delle politiche del lavoro la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l’impiego.

La presentazione della domanda di NASpI equivale al rilascio della predetta dichiarazione di immediata disponibilità (DID).

Nei 15 giorni successivi alla presentazione della domanda, il richiedente deve recarsi presso il centro per l’impiego per la stipula del patto di servizio personalizzato. In mancanza, l’assicurato è convocato dal centro per l’impiego.

Lo stato di disoccupazione deve essere involontario; sono esclusi pertanto i lavoratori il cui rapporto di lavoro sia cessato a seguito di dimissioni o di risoluzione consensuale.

Tuttavia, l’accesso alla NASpI, sussistendo gli altri requisiti, è consentito anche nei seguenti casi:

  • dimissioni per giusta causa, qualora le dimissioni non siano riconducibili alla libera scelta del lavoratore ma siano indotte da comportamenti altrui che implicano la condizione di improseguibilità del rapporto di lavoro (circolare INPS 20 ottobre 2003, n. 163);
  • dimissioni intervenute durante il periodo tutelato di maternità, ossia a partire da 300 giorni prima della data presunta del parto e fino al compimento del primo anno di vita del bambino;
  • risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, purché sia intervenuta nell’ambito della procedura di conciliazione presso la direzione territoriale del lavoro secondo le modalità di cui all’articolo 7, legge 15 luglio 1966, n. 604 come sostituito dall’articolo 1, comma 40, legge 92/2012;
  • risoluzione consensuale a seguito del rifiuto del lavoratore di trasferirsi presso altra sede della stessa azienda distante più di 50 chilometri dalla residenza del lavoratore e/o mediamente raggiungibile con i mezzi pubblici in 80 minuti o più;
  • licenziamento con accettazione dell’offerta di conciliazione di cui all’articolo 6, decreto legislativo 22/2015;;
  • licenziamento disciplinare
  • Molestie sessuali Molestie sessuali nei luoghi di lavoro. La giusta causa non basta, il lavoratore deve documentare all’Inps la sua volontà di difendersi, in sede amministrativa o giudiziale, nei confronti del comportamento illecito del datore di lavoro.

Come calcolare l'importo NASpI

Per calcolare l’importo dell’indennità di disoccupazione spettante è necessario sommare tutte le retribuzioni imponibili ai fini previdenziali (quelle cioè su cui sono stati versati i contributi) degli ultimi 4 anni, e dividere il risultato per il numero di settimane di contribuzione, infine il quoziente ottenuto deve essere moltiplicato per il coefficiente 4,33.

Se dal risultato di tale calcolo la retribuzione mensile è pari o inferiore al minimale mensile fissato dall’INPS annualmente di 1.227,55 euro (importo aggiornato al 2021), l’importo della NASPI è pari al 75% della suddetta retribuzione. Se è oltre a tale soglia, viene aggiunto al 75% un importo pari al 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo. In ogni caso, l’importo massimo dell’indennità non può superare i 1.335,40 euro al mese (importo aggiornato al 2021).

Va considerato inoltre, che a partire dal 91° giorno questo importo si riduce del 3% al mese.

Vediamo un esempio pratico con importi aggiornati alla circolare INPS numero 7 del 21/01/2021

  1. Imponibile previdenziale: 47.000€ (contributi versati)
  2. Settimane lavorate negli ultimi 4 anni: 156
  3. (Imponibile previdenziale / numero di settimane lavorate) * 4.33 (47.000 / 156) * 4.33 =301,28 * 4.33 = 1.304,55
  4. Essendo la retribuzione mensile ottenuta superiore a 1.227,55 euro è necessario considerarne il 75% e aggiungere il 25% della differenza tra la retribuzione mensile e il predetto importo.
  1. 227,55 * 75% = 920,66
  2. 304,55 – 1.227,55 = 77,00 * 25 % = 19,25
  1. L’importo mensile di NASPI spettante è pari ad euro 939,91: (920,66 + 19,25 = 39,91)

Attenzione ricordiamo che a partire dal quarto mese questo importo si riduce del 3% ogni mese.

Importo massimo NASpI per il 2021

l’INPS ha rilasciato la Circolare 7/2021 con la quale fornisce gli importi aggiornati di ammortizzatori sociali e indennità validi per il 2021 tra cui i nuovi importi validi per il calcolo dell’indennità di disoccupazione NASpI

  • La retribuzione di riferimento per il calcolo della indennità di disoccupazione NASpI è pari ad euro 1.227,55 per il 2021.
  • L’importo massimo mensile della Naspi per il 2021 è fissato in euro 1.335,40.

DID Online

Una volta presentata la richiesta all’INPS e firmata la dichiarazione di immediata disponibilità presso il centro per l’impiego, questi dati vengono trasmessi all’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro (ANPAL).

Dal 1° dicembre 2017 la dichiarazione di immediata disponibilità – DID per il riconoscimento dello status di disoccupato, potrà essere rilasciata solo online sul sito ANPAL https://www.anpal.gov.it/

Tuttavia rimane confermato che i disoccupati che accedono alla NASpI o che beneficiano di una prestazione a sostegno al reddito non devono fare la DID online, in quanto la domanda di NASpI equivale a fare anche questa dichiarazione.

Durata della NASpi

La durata del sussidio di disoccupazione varia in base alla storia contributiva di ogni soggetto. L’assegno è corrisposto per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni, fino ad un massimo di 24 mesi.

L’indennità tuttavia non rimane invariata per tutto il periodo, dal primo giorno del quarto mese di fruizione, l’indennità diminuisce del 3% per ciascun mese.Una eccezione alla durata è la NASpI in periodo di Covid che in base ai vari decreti (Cura Italia, Rilancio, Ristori ecc.) è stata allungata di qualche mese.

QUANDO VIENE SOSPESA

 

La Naspi prevede la compatibilità con il rapporto di lavoro subordinato e con l’esercizio di un’attività autonoma o parasubordinata, purché il reddito annuo derivante dall’attività lavorativa:

  • non superi euro 8.000 (reddito minimo escluso da imposizione fiscale che garantisce il mantenimento dello status di disoccupato) nel caso di lavoro subordinato ed in caso di attività parasubordinata;
  • sia inferiore a euro 4.800 nel caso di lavoro autonomo/impresa individuale

In tutti i casi l’interessato ha l’obbligo di comunicare all’Inps, a pena di decadenza, entro 30 giorni dall’inizio dell’attività lavorativa, il reddito annuo presunto e la Naspi gli sarà ridotta nella misura dell’80% del reddito previsto.

La Naspi decade qualora si instauri un rapporto di lavoro subordinato di durata superiore a 6 mesi e che produca un reddito superiore a quello escluso da imposizione fiscale.

Nel caso invece, il rapporto di lavoro non sia di durata superiore a 6 mesi, la Naspi sarà sospesa d’ufficio per la durata del rapporto di lavoro.

QUANDO DECADE

La NASpI decade nei seguenti casi

  • perdita dello stato di disoccupazione
  • inizio di un’attività lavorativa subordinata senza provvedere alla comunicazione all’INPS entro 30 giorni; inizio di un’attività lavorativa in forma autonoma senza provvedere alla comunicazione all’INPS entro 30 giorni;
  • raggiungimento dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato;
  • acquisizione del diritto all’assegno ordinario di invalidità sempre che il lavoratore non opti per la NASpI;
  • mancata partecipazione alle iniziative di attivazione lavorativa ed ai percorsi di riqualificazione professionale proposti dai servizi

 

 

 

 

 

Indirizzo: Via del Giuba, 9 – 00199 ROMA (RM) – PEC: smart2people@pec.it – Support: assistenza@smart2people.it